Una stampante a noleggio conviene? La risposta è: dipende… da cosa?

Prendere una stampante a noleggio conviene? La migliore risposta che posso dare è: dipende.

Partiamo dal presupposto che bisogna essere oggettivi: non sempre l’acquisto di una stampante è un buon investimento, non sempre una stampante a noleggio conviene. In breve posso allora dirti che la convenienza dipende da quanto sfrutti la stampante:

  • in termini di funzioni che ti servono, per esempio il formato carta
  • in termini di prestazioni che chiedi alla macchina, per esempio la velocità di stampa o di acquisizione delle immagini da scanner
  • in termini di quantità di pagine che devi stampare

Direi che puoi escludere totalmente il noleggio se stampi pochissimo e ti basta una macchina che faccia il minimo sindacale. Sono io il primo a dirtelo,  perché non sfrutteresti i vantaggi che il contratto di noleggio operativo ti garantisce.

Nella pagina del nostro sito “cosa possiamo fare per te -> noleggio stampanti” trovi elencati i vantaggi del noleggio di una stampante, ma a mio modo di vedere il vantaggio che ha maggior valore è quello di avere di fatto una garanzia che dura quanto la durata del contratto di noleggio, che di solito va dai 3 ai 5 anni.

In teoria meno sfrutti la macchina, meno rischio avrai di dover ricorrere alla garanzia. In teoria… ma qui non voglio parlare di teoria!

Se l’argomento ti interessa e vuoi proseguire nella lettura, voglio mostrarti un caso reale per confrontare le due situazioni che si creano quando la stampante ha un problema da risolvere.

Il caso reale

Abbiamo una stampante laser bianco e nero di media dimensione, non è una di quelle stampanti che stanno sul comodino in camera, ma neanche una di quelle con le ruote che la devi spingere in due per spostarla. Ha qualche noia, ecco una pagina stampata che presenta evidenti problemi di qualità, il fondo del foglio risulta infatti molto sporco, in particolare in basso e in alto.

stampa difettosa samsungFacciamo un’analisi veloce con i dati che possiamo raccogliere da una semplice pagina di stato che la stampante stessa produce:

foglio di stato stampanteQuesta stampa ci fa vedere le informazioni sulla macchina e sui materiali di consumo, ecco quelle più interessanti:

  • totale pagine 35932
  • il toner a bordo, che ha una durata teorica dichiarata dal produttore di 7000 pagine, può fare altre 4200 pagine, visto che è ancora al 60% della sua capacità
  • la imaging unit (il tamburo), che ha una durata teorica dichiarata dal produttore di 60000 pagine, può fare altre 13200 pagine, visto che è al 22%

Una stampante di questa dimensione non si può dire sfruttata, ha fatto solo 36000 pagine circa, che è molto meno della durata di uno dei suoi consumabili, il tamburo . Nonostante questo dobbiamo dunque constatare che un intervento di manutenzione si rende necessario per poter ottenere fogli puliti. La diagnosi è che deve essere sostituito il tamburo ed eseguita una pulizia della stampante per rimuovere la polvere di toner presente all’interno, che ha sporcato il percorso della carta.

Le due situazioni

Immaginiamo allora le due situazioni per l’utilizzatore di questa stampante, nel primo caso se ne fosse il proprietario, nel secondo se fosse il conduttore di una stampante a noleggio.

  1. La stampante è di proprietà: tutto l’intervento è a suo carico, sia il tamburo nuovo, sia l’intervento di manutenzione. In più, il 22% del tamburo ancora “disponibile” viene sprecato, perché non funziona correttamente e deve essere sostituito. Il preventivo di spesa è di almeno 140-150 euro, lo spreco circa di 20-25 euro. Come proprietario deve decidere se la riparazione è conveniente o meno, deve quindi investire del tempo per richiedere preventivi. Se rinuncia alla riparazione perché arriva alla conclusione che la macchina non può essere convenientemente riparata, oltre alla spesa per una nuova stampante deve anche preoccuparsi dello smaltimento di un cespite. Peggio ancora se ha un toner di scorta sullo scaffale che non riesce più ad utilizzare.
  2. La stampante è a noleggio: l’intervento di manutenzione è compreso nel canone mensile, è fisso e pattuito a priori. Il ricambio e lo spreco di tamburo che non funziona non incidono sui costi: da contratto infatti paga le stampe che effettivamente fa, di come la macchina le fa non si deve preoccupare. E può anche chiedere a chi gli ha dato la stampante a noleggio di intervenire rapidamente per risolvere il problema.

acquisto o noleggioConclusione

Se compri una stampante, sei esposto al rischio di doverti risolvere i problemi che dovessero accadere, oppure di dover pagare qualcuno per risolverli. Se la stampante è nuova e poco sfruttata il rischio è sicuramente inferiore, ma non lo puoi escludere a priori.

Se acquisti un servizio forse paghi qualcosa in più, ma hai la certezza di veder risolti i problemi di stampa senza ulteriori esborsi e di pagare solo per le stampe che fai.

Devi sostituire la tua stampante?

Hai mai preso in considerazione la possibilità di noleggiarla? Se vuoi approfondire ulteriormente l’argomento puoi leggere anche questo mio post.