Accordo Samsung Hp sulle stampanti, chi ha fatto l’affare?

Accordo Samsung HP da 1 miliardo: con due comunicati ufficiali nei loro siti internet Samsung (leggi) e HP (leggi) annunciano che il colosso coreano cederà l’intera divisione stampanti al leader di mercato del settore.

Con l’accordo Samsung HP hanno trovato un punto di incontro due multinazionali che hanno per il futuro del settore delle stampanti due previsioni diametralmente opposte:

  • Samsung pensa evidentemente che la carta sia destinata a scomparire o se non altro a ridursi drasticamente

  • HP, con ancor maggiore evidenza vista la cifra messa sul piatto, sostiene il contrario e prevede quindi per le sue stampanti un futuro brillante

Perché Samsung vende ad HP la divisione stampanti? E perché HP la compra? Vediamo nel dettaglio le possibili ragioni delle due parti .

Samsung non sta attraversando un periodo brillante a causa dei problemi con i Galaxy Note 7 (batteria che esplode), tuttavia questo accordo è così importante che non può essere nato da questa spinta. Credo di più nella ricerca da parte di Samsung di concentrare la propria attenzione e i propri investimenti su settori ben più profittevoli di quello delle stampanti, vedi smartphone e tablets.

La competizione nel settore della stampanti è decisamente aumentata nell’ultimo periodo per una serie di ragioni:

  • contrazione della domanda: si stampa di meno c’è poco da fare, chi fa parte di questo settore e lo nega è perché vuole far finta di non vedere

  • fortissima presenza di consumabili non originali a basso prezzo, richiestissimi nei mercati asfittici in crisi da anni (vedi quello italiano, per esempio). Anche qui inutile negare che i consumabili sono la fonte principale di reddito per i produttori di stampanti.

  • tecnologia laser in difficoltà di fronte al ritorno dell’inchiostro, che permette di offrire costi copia inferiori, sia dal punto di vista dei consumabili che da quello dei costi di manutenzione. Quello delle stampanti ink jet è un mercato in cui Samsung non è di fatto mai entrata (ricordo dei fax monocromatici, ormai fuori produzione da anni)

Tutto questo ha portato inevitabilmente ad una drastica riduzione dei margini, a cui peraltro ha contribuito la stessa Samsung, nota per offrire prodotti a prezzi molto bassi.

Ma allora perchè Hp compra e da cosa derivano le sue certezze?

La ragione principale contenuta nell’annuncio ufficiale è la volontà di HP di aggredire un segmento di mercato nel quale non è mai stata protagonista, ovvero quello dei multifunzione A3, tradizionale campo di battaglia di Ricoh, Kyocera, Konica Minolta, Canon, Toshiba, Sharp, OKI e relative sottomarche (Olivetti e Triumph Adler per esempio). Va detto infatti che Samsung ha lanciato da 2-3 anni una gamma di multifunzione bianco e nero e colori formato A3 (i classici fotocopiatori, per intenderci) dai prezzi molto aggressivi e di facile manutenzione (a detta di HP, che ne elogia la semplicità d’uso e manutenzione con relativi bassi costi di gestione).

Molti già da anni mettono in discussione il formato A3 e queste macchine ingombranti. Panasonic ha abbandonato completamente il formato, mentre Kyocera ha recentemente puntato i suoi sforzi su multifunzione a colori in formato A4 con caratteristiche e costi copia pari ai più costosi A3. In totale controtendenza, HP annuncia quindi di voler entrare in questo mercato spendendo 1 miliardo di dollari.

Personalmente credo che le due ragioni che spingono HP sono:

  • assumere una posizione dominante nel mercato delle stampanti laser “da tavolo”, quelle più diffuse, cercando di trasformare il modello di gestione dalla semplice e non profittevole vendita ad un più redditizio modello su base contrattuale (costo copia) al fine di tagliare fuori i produttori di consumabili non originali

  • applicazione della tecnologia di proprietà “Pagewide” su multifunzione formato A3, sulla scia del successo che stanno avendo i modelli A4 equipaggiati con questa tecnologia rivoluzionaria per il settore delle stampe a colori.

Come si svilupperà il processo di acquisizione nel corso dei 12 mesi previsti per completarlo? Il marchio Samsung sparirà dal mercato delle stampanti laser per restare solo in Corea come sembra far intravedere il comunicato di Samsung? Riuscirà HP nell’intento di diventare un player di riferimento nel mercato degli A3?